"Miniera. Segni e Parole" è una manifestazione d'arte, tradizione e folklore legata al territorio di uno dei più importanti siti minerari europei della prima metà del novecento: le miniere di Cabernardi, in provincia di Ancona.
La storia del bacino minerario di Cabernardi inizia intorno alla metà del 1870 e nei mesi iniziali del 1944 la manodopera occupata raggiunge i 1.800 operai e una produzione totale di quasi 190.000 tonnellate di zolfo.
Agli inizi degli anni 50 la vena era in fase di esaurimento e nel 1952, a seguito della decisione della Montecatini, al tempo proprietario del bacino di estrazione, di cessare le perforazioni, la miniera divenne teatro del più grande sciopero degli anni 50: il 28 maggio oltre 300 operai occuparono le gallerie situate a più di 500 metri di profondità per 40 giorni, salendo agli onori della cronaca come i “sepolti vivi”.

Durante la manifestazione ci saranno diversi artisti che disegneranno en plein air, con la partecipazione di Fabriano in Acquarello - Fabriano in Watercolour - Ass.ne Inarte e l'associazione Autori Diari di Viaggio di Ferrara.
Oltre questo sarà possibile assistere ad interessantissimi momenti di spettacolo legati al folklore e alle tradizioni del tempo della miniera. Naturalmente non mancheranno momenti conviviali e occasioni per gustare la cucina locale.

PER MAGGIORI INFORMAZIONI E ISCRIZIONI: http://www.autoridiaridiviaggio.it/miniera-segni-e-parole/