E' uscito il cd con le canzoni di Mimmo Boninelli "SE NON ORA ... QUANDO?", chi fosse interessato all'acquisto può contattare Sandra Boninelli all'indirizzo mail

           bonisandra_2012@libero.it oppure bonisandra@alice.it

 

PROSSIMAMENTE LA RECENSIONE DEL CD SUL SITO

LABORATORIO MUSICALE "LE ORIGINI DEL RAP" a cura di Pietro Ariotti

                                              LEGGI TUTTO

 

 

Nasce l’UNIONE CANTASTORIE,

per una realtà che sopravvive.

 

 

 

 

Una bellissima notizia di questi giorni giunge dal centro del Mediterraneo, nasce l’Unione Cantastorie, un coordinamento di Associazioni Culturali del Sud che raggruppano altrettanti Cantastorie siciliani, calabresi e non solo.

L’incontro del 25.03.2017 nella cittadina etnea di Paternò (CT), patria indiscussa dei Cantastorie del secolo scorso, ha visto confluire numerosi cantastorie siculo – calabri che si sono ritrovati nel Teatro del Museo Casa del Cantastorie per unirsi e creare le basi di un progetto comune, rispondendo all’invito di Franco Occhipinti, Presidente dell’Associazione ragusana “Gli Ultimi Cantastorie” e di Cettina Busacca figlia d’arte della famiglia dei più famosi Cantastorie siciliani,

Dall’incontro è nata subito la consapevolezza di manifestare una bellissima realtà: Il Cantastorie sopravvive!

L’incontro si è concluso con un bellissimo spettacolo che ha visto alternarsi sul palcoscenico del Teatro 12 Cantastorie che hanno manifestato la loro arte, le loro diversità di stili e le loro storie, tra la tradizione e l’innovazione.

Nei giorni successivi all’incontro, spontaneamente e con grande interesse, si è messa in moto una macchina organizzativa che ha visto, a meno di un mese di distanza, nascere l’Unione Cantastorie.

E’ stato costituito un Consiglio Direttivo che vede al suo interno Cantastorie dello spessore di Nonò Salamone (Sutera, CL), Alfio Patti (Catania), Cettina Busacca (Paternò, CT), Sara Cappello (Palermo), la regista Luana Occhipinti (Ragusa), Fulvio Cama (Reggio Calabria) che ricopre il ruolo di Direttore Artistico e Franco Occhipinti (Ragusa), nel ruolo di Presidente.

Un gruppo di tutto rispetto che rappresenterà l’Unione Cantastorie e che già dalle premesse sarà veramente una grande casa aperta a tutti siano essi Cantastorie siciliani, italiani o del resto del mondo.

Da come emerge dal documento sottoscritto e divulgato, si capisce che il progetto è ambizioso e punta a diventare da subito una realtà artistico – culturale di levatura mondiale che certamente farà parlare di sè attraverso le storie plurimillenarie e le tradizioni che il Cantastorie rappresenta, ma soprattutto attraverso la formale presentazione della candidatura del Cantastorie a Patrimonio dell’Umanità Unesco.

Sarà quindi una piacevole sorpresa rivedere nelle piazze, nei teatri, nei borghi, nei castelli della nostra terra, ancora in scena la figura del Cantastorie che sopravvive dai tempi immemorabili quando Omero cantava l’Iliade e l’Odissea.

Il progetto prevede la realizzazione di Festival e Rassegne, laboratori e mostre, convegni ed una serie di attività legate alla salvaguardia ed alla rivalutazione della figura del Cantastorie a 360°, nella consapevolezza che ciò appartiene alla più pura identità territoriale di una terra che ha anch’essa bisogno di riscatto e di rinascita, e che cerca di farlo con un’arte antichissima che tutto il mondo ci invidia.

Una grande casa quindi aperta a tutti, Cantastorie e non, perché chiunque vuole contribuire alla crescita del progetto può farlo, da artista o da semplice collaboratore, entrando a far parte dell’ Unione Cantastorie con una semplice richiesta di adesione.

L’adesione è gratuita e libera e basta compilare una scheda di accesso che presto verrà divulgata attraverso i canali dedicati sul web e non comporta alcun impegno se non il sostegno all’iniziativa fosse esso anche solo morale.

La nascita dell’Unione Cantastorie è sì una bellissima notizia quindi che punta, in un mondo sempre più globalizzato e distratto, ad un’eccellenza di cui tutti noi dobbiamo andare fieri e verso la quale tutto il mondo, volente o nolente volgerà il proprio sguardo.

 

 

 

Comunicato Stampa

 

    SEGNALIAMO IL NUOVO SITO DE

         LA PIVA DAL CARNER

opuscolo rudimentale di comunicazione a 361°

 

            www.lapivadalcarner.it  

PIVA DAL CARNER  N°15 ANNO 2016

piva dal carner 15.pdf
Documento Adobe Acrobat 1.5 MB

MUSEO DELLA GIOSTRA DI BERGANTINO                            Tour virtuale

IL CANTASTORIE  CICCIO BUSACCA

"CICCIO BUSACCA" Il più grande CANTASTORIE SICILIANO.
Nel seguente link si può prendere visione anche con cellulari e tablet della vita e di molte canzoni e storie cantate da Ciccio Busacca.
Ecco gli argomenti tra i quali si può navigare, ascoltare e vedere
LA VITA E LA STORIA RACCONTATA DA BUSACCA RAI3
INTERVISTA DI PAOLO CALCAGNO E PIPPO ARDINI - lettera ai compagni
LA VITA DI CICCIO BUSACCA (Nicolò La Perna)
DISCOGRAFIA DI CICCIO BUSACCA
LA VITA DI CICCIO BIUSACCA (Placido Sergi)
ARTICOLO SU "LA MATRI SNATURATA" (Placido Sergi)
ALCUNE LIRICHE DI CICCIO BUSACCA Articolo Di Placido Sergi

CI RAGIONO E CANTO N:3 (piccola parte video)
CHE COSA E' LA MAFIA (video)
CUMANNANU LI MOGLI (audio)
FIMMINI PATINTATI (audio)
L'ASSASSINIO DI RADDUSA (piccola parte video)
LA SICILIA CAMINA (audio)
LA STORIA DI GIUANNI ACCETTA (audio)
LA STORIA DI GIUANNI ACCETTA (video - piccola parte)
LA STORIA DI PEPPI MUSULINU 1° parte (audio)
LA STORIA DI PEPPI MUSULINU 2° parte (audio)
LA STORIA DI PEPPI MUSULINU 3° parte (audio)
LA STORIA DI PETRU TAURMINA ( audio)
LA STORIA DI TURIDDU CARNIVALI (audio)
LA STORIA DI TURI GIULIANU (1° parte)
LA STORIA DI TURI GIULIANU (2° parte)
LA STORIA DI TURI GIULIANU (3° parte)
LA STORIA DI TURI GIULIANU (4° parte)
LU GRAN DUELLU TRA LA MORTI E LU MILIARDARIU (audio)
LU TRENU DI LU SULI (audio)
LU PISCATURI SFURTUNATU (audio)
LA TRAGICA STORIA DI NARDU MALASPINA 1° parte (audio)
LA TRAGICA STORIA DI NARDO MALASPINA 3° parte (audio)
SPUNSALIZZIU DI SANGU (audio)
http://lnx.culturasiciliana.it/…/busacc…/366-busacca-ciccio1

 
Molto materiale audio e video e di approfondimento di questo grande artista siciliano che ha avuto il coraggio insieme a Rosa Balistreri di parlare male della mafia e di condannarla pubblicamente anche in paesi di alta mafia, coraggio non comune visto che la lupara era sempre pronta per chi osasse ribellarsi o parlare male della mafia.
Buona visione, buona lettura di approfondimento, buon ascolato agli appassionati di poesia, musioca e cultura siciliana 
Nicolò La Perna email niclap@alice.it

 

sito di cultura siciliana

LA PIVA DAL CARNER n° 14  ANNO 2016

pdc14ilcuore.pdf
Documento Adobe Acrobat 522.2 KB

SANTARCANGELO DI ROMAGNA 1985                    FIERA DI SAN MARTINO

LA PIVA DAL CARNER N° 13 ANNO 2016

100.pdc n.13.2016.pdf
Documento Adobe Acrobat 1.3 MB

DOCUMENTO VIDEO DELLO SPETTACOLO "BELLA CIAO" presentato per la prima volta a Spoleto nel 1964

Nel 1980 il musicologo Mauro Balma e l'antropologo Paolo Giardelli, tuttora in attività, realizzarono per la sede regionale ligure della RAI questo documentario, andato in onda il 5 febbraio 1981 per la serie "Memoria popolare".

Scendendo per la val Trebbia con il sottofondo di canti polifonici locali, i nostri incontrano un mugnaio, le pelli di talpa cacciate su commissione dagli specialisti della zona (come il fisarmonicista Dante Tagliani), il giovanissimo coltivatore di patate Alessandro Barbieri (oggi tecnico TV in loco) che racconta una favola in dialetto, il pifferaio Agostino Orsi "Stinollo" di Rovaiolo Vecchio (maestro di ance di Roberto Ferrari), un matrimonio animato da un giovane Bani e un giovanissimo Franco Guglielmetti, una delle ultime feste a cui suonava Ernesto Sala con Giacomo Davio "Mini" e le case abbandonate al Connio di Carrega, e infine il museo contadino ospitato per anni a Carrega Ligure presentatoci da un giovane don Luciano Maggiolo... Un documento molto rappresentativo che ci aiuta a collegare la storia dei pifferai e canterini storici, allora scoperti da pochi anni dai ricercatori, con la realtà contemporanea.

Digitalizzazione a cura de lo Stivale che Balla.

(Richiesta di autorizzazione alla riproduzione a RAI Liguria del 12 gennaio 2015.)

ARTISTI DI STRADA A MILANO

ANTOLOGIA TOSCANA 1 E' uscito il primo volume: LA CASTELLANA DI VERGI, il poema francese del XIII secolo e il primo poemetto popolare in ottava rima cantato in piazza da un anonimo cantastorie fiorentino. "O gloriosa o vergine pulzella - i' vo' la grazia tua adimandare - e dir per rima una storia novella, - per dare essemplo a chi intende d'amare, - d'un cavaliere e d'una damigella - d'un nobile legnaggio e d'alto affare, - sì come per amore ciascun morìe - e 'l gran dannaggio che poi ne seguìe


PODCAST DE I GIORNI CANTATI                    CIRCOLO GIANNI BOSIO DI ROMA

Una nuova dimensione del lavoro e della comunicazione del Circolo Gianni Bosio: la piattaforma podcast I Giorni Cantati 

 Qui si possono ascoltare progetti di ricerca, musica popolare, materiali d’archivio, cicli d’ascolto, registrazioni di eventi e moltissimo altro.

 

Canti e storie del Maggio

 

Roma Forestiera: Musiche e storie di migranti a Roma (prima puntata)

Lezioni sulla ballata: Il testamento dell’avvelenato (prima puntata)

Presentazioni: Storia intima delle Grande Guerra. Un libro di Quinto Antonelli

Combat Rock: primo episodio – Terra d’Eroi e Santi senza peccato

Il podcast verrà aggiornato periodicamente con nuove proposte e materiali.

 

                    www.igiornicantati.wordpress.com

 

 

DIAR MUSE - ARCHIVIO ETNOGRAFICO SICILIANO

 

La Fondazione Ignazio Buttitta, in partenariato con l’Associazione per la conservazione delle tradizioni popolari – Museo internazionale delle marionette Antonio Pasqualino e l’Associazione Folkstudio di Palermo, con il contributo del MIUR – Ministero per l'Istruzione, l'Università e la Ricerca, ha realizzato il progetto DIAR MUSE – Digitalizzazione e schedatura dei materiali nastrografici del Folkstudio e dell'Associazione per la Conservazione delle Tradizioni Popolari di Palermo, finalizzato alla digitalizzazione del materiale audio e alla realizzazione di applicazioni web per la catalogazione e fruizione dei formati digitali di parte dei documenti sonori dei due archivi.È stato inoltre attivato il sito web www.archivioetnograficosiciliano.it 

 

LEGGI TUTTO

E' USCITO IL NUOVO CD DI MAURO CHECHI

Premio alla carriera per la cantastorie siciliana Rosita Caliò a Sinagra (ME) 

 

E' uscito l'ultimo numero di TOSCANA FOLK,

Numero doppio edizione speciale in occasione del 20° anniversario. 

 

 

 

 

 

toscanafolk@tiscali.it   

 

 

www.toscanafolk.it 

 

 

LEGGI SOMMARIO 

 

ALAN LOMAX a SANT'ARSENIO (SA)

DAL SOCIAL NETWORK FACEBOOK SEGNALIAMO UNA INTERESSANTE PAGINA DEDICATA ALLA MUSICA POPOLARE

 

AMICI A CUI PIACE MUSICA POPOLARE 

 

 

https://www.facebook.com/groups/1542909159360543/ 

 

GRUPPO PUBBLICO DOVE VENGONO PUBBLICATI FILMATI RIGUARDANTI LA MUSICA POPOLARE

Nella splendida cornice della sala della Protomoteca in Campidoglio, quella dei grandi eventi,si è tenuta lo scorso 22 gennaio alle 9.30  la terza edizione del   premio  letterario nazionale per le opere dialettali  dal titolo” SALVA LA TUA LINGUA LOCALE 2015” nella ferma convinzione che ogni dialetto ha una sua identità stilistica.

Dopo i saluti di rito si è entrati nel vivo della premiazione  con  un’ottava di saluto, salutata da un’ovazione, dell’estempore cantrice allumierasca, Agnese Monaldi  finalista con il libro “ Le mie radici”. Il testo  tratta,  oltre ad altri argomenti, affetti e sentimenti rivolti alla madre, alla sua terra ed ai tanti amici che fanno parte della sua infanzia e dell’adolescenza.  Altri due suoi interventi poetici sono stati molto graditi dal pubblico presente che l’ha osannata come “ Dea dell’ottava rima e della sestina”.

CANTARE IL MAGGIO appunti visivi

12.pdc gennaio 2016.pdf
Documento Adobe Acrobat 1.4 MB

FRANCESCA PRESTIA  ballata Gli anarchici dell'autostrada

PER RICHIEDERE LA RIVISTA:

L.I.P.E.  poesiaestemporanea@gmail.com

  PAGINA FACEBOOK DEL CANZONIERE DELLE LAME

              https://www.facebook.com/groups/458729687606220/?ref=br_rs

RADIO EMILIA ROMAGNA

LORENZO DE ANTIQUIS: IL RE DEI CANTASTORIE

Cari amici e care amiche di RadioEmiliaRomagna, il protagonista di cui vi raccontiamo oggi si chiama Lorenzo De Antiquis, ed è considerato uno dei più grandi cantastorie italiani. La sua vicenda e il suo mestiere, oggi pressoché dimenticati, sono stati rievocati con passione dal regista Matteo Bellizzi, che dall’incontro con una delle figlie di De Antiquis, Edda, detta "Dedi", ha tratto un audiodocumentario emozionante, intitolato "Il re dei cantastorie". Grazie alla disponibilità del regista, della protagonista e del sito "Docusound", che lo ha pubblicato in anteprima (www.docusound.it/?action=detail&id=7), ve ne proponiamo l’ascolto integrale, diviso in tre puntate e introdotto dalla breve scheda biografica che potete leggere su questa pagina.

 

PRIMA PUNTATA

http://www.radioemiliaromagna.it/programmi/protagonisti/lorenzo-antiquis-cantastorie.aspx

 

SECONDA PUNTATA

http://www.radioemiliaromagna.it/programmi/protagonisti/lorenzo-antiquis-cantastorie-1.aspx

 

 TERZA PUNTATA 

http://www.radioemiliaromagna.it/programmi/protagonisti/lorenzo-antiquis-cantastorie-2.aspx   

piva carner 11.2015.pdf
Documento Adobe Acrobat 2.6 MB

MAURO GERACI - LA MAFIA DELLA TRADIZIONE

MAURO GERACI CANTASTORIE -  ALL'EXPO, ALL'EXPO

ALL'EXPO, ALL'EXPO di MAURO GERACI
expoexpo.mp3
File audio MP3 8.2 MB

FEDERICO BERTI


L'ECCIDIO DI RONCASTALDO


http://www.federicoberti.it/documentari-eccidio-roncastaldo/

pdc n.10 luglio 2015.pdf
Documento Adobe Acrobat 1.7 MB

Federico Berti, cantastorie, pubblica sul suo sito quotidianamente ballate, racconti, interviste ecc.

Il tutto si può vedere su www.federicoberti.it navigando nelle diverse sezioni oppure ricevere direttamente gli aggiornamenti iscrivendosi alla sua news letter gratuita

LA PIVA DAL CARNER N° 9 APRILE 2015
lapdc9.aprile2015.pdf
Documento Adobe Acrobat 2.3 MB

Canti e cunti di donne dalla grande guerra. Con Francesca Prestia e Giada Salerno, Cantastorie

Sempre a Tufara è ancora in vita la tradizione delle Maitunate nella originale forma del canto di questua
 Sull’argomento Salvatore Esposito ha  pubblicato sulla rivista on line BLOGFOOLK un saggio che trovate a seguente link http://www.blogfoolk.com/2011/12/le-maitunate-i-canti-di-capodanno-del.html.
LA PIVA DAL CARNER n° 8 GENNAIO 2015
pdc.8 gennaio 2015.pdf
Documento Adobe Acrobat 2.4 MB

cinque parabole sui Cantastorie paternesi


Pubblicato il 19 gen 2015

"i poveri si assomigliano in tutto il mondo: in cosa si distinguono i cafoni dai mugik, dai kulis, dai peones, in niente;
è un altro modo in comune di sfuggire alle sciagure, alla disperazione, è il ricorso alla favola, alla magia dei sogni.
(da "Fontamara" di Carlo Lizzani)

Un documentario di 54 min suddiviso in 5 blocchi (puntate) che contestualizzano, attraverso immagini di repertorio, ricerche, film e video inediti, le storie e i racconti dei principali cantastorie di Paternò all'interno del proprio spaccato storico. Immagini raccolte mollica dopo mollica e montate insieme in una narrazione non lineare. Un lavoro per metà politico e per metà biografico, un viaggio in Sicilia attraverso le vicessitudini di questi artisti, le loro storie e la loro poesia.

di Andrea Coppola (2014)
credits disponibili direttamente sul video puntata per puntata.
questo è uno dei contributi dei ricercatori della Casa Museo Cantastorie.

prima puntata: cuntastorie e cantastorie - garibaldi arriva a Palermo.
seconda puntata: il mestiere del Cantastorie, Nino busacca, Paolo Garofalo, Vito Santangelo.
terza puntata: Cantastorie e mafia - dal bandito Giuliano alle minaccie a Ciccio Busacca.
quarta puntata: omaggio a Ciccio Busacca, Re dei Cantastorie.
quinta puntata: la nostra piazza, la piazza dei paternesi con Ciccio Rinzinu, Paolo Garofalo e Vito Santangelo.

Omaggio a Mimmo Cuticchio


Magazzini Einstein RAI STORIA è un Documentario su Mimmo Cuticchio durante la sua residenza artistica presso il Teatro Eleonora Duse di Roma

FESTIVAL DEI CANTASTORIE DI CASTELLARQUATO IN PROVINCIA DI PIACENZA 

TRATTO DA LA SETTIMANA INCOM 23/08/1962

INTERESSANTE DOCUMENTO CON LA PRESENZA DI ALCUNI CANTASTORIE DELLA TRADIZIONE - COMMENTO BANALE TIPICO DELL'ISTITUTO LUCE

E'on line "Caterina Bueno. Inventario del fondo documentario" a cura di Pamela Giorgi, Fabiana Spinelli e Serena Masolini, sul sito del Consiglio Regionale della Toscana, con articoli di Pietro Clemente e Maurizio Agamennone:
http://www.consiglio.regione.toscana.it/upload/eda/pubblicazioni/pub4013.pdf

pdc n.7.ottobre.2014 DEFINITIVO.pdf
Documento Adobe Acrobat 3.5 MB

IL MONDO DEI CANTASTORIE

LA PATRIA DEI CANTASTORIE E' IL MONDO INTERO
...E LAMPEDUSA PARI FUSSI EUROPA... di Mauro Geraci

ASSOCIAZIONE CULTURALE CATTIVOTEATRO

E’ nata nel 2002 dalla commistione di svariate esperienze e competenze, il cui scopo sociale è la promozione e la realizzazione di spettacoli teatrali, convegni, manifestazioni artistiche, musicali, folkloristiche e letterarie, che abbiano carattere educativo.

 

Si propone in particolare la promozione di iniziative atte a sviluppare una maggiore coscienza socioculturale nel territorio cittadino, la produzione e la divulgazione di libri, materiali audiovisivi e multimediali ai fini culturali e di ricerca, la promozione ed attuazione di corsi e laboratori teatrali e didattici a carattere professionale o artistico, nonché lo svolgimento di qualunque altra attività affine a quelle sopraelencate.

 leggi tutto

 

 

Viaggiolento è un'esperienza che prende vita, ogni anno, nel Parco Nazionale del Pollino. Una passeggiata fatta rigorosamente a piedi con Biagio Accardi (cantastorie) insieme alla sua asina Cometa Libera. Un viaggio che nasce con l'esigenza di sottolineare la necessità di rallentare, di tornare a ritmi più umani, perché questo progresso così sfrenato non si sa dove ci sta portando. Un vero e proprio elogio alla lentezza ...credo che si sia tempo di andare più lenti. 

 

  leggi tutto            

Biagio Accardi a Caselle in Pittari - Cantu, Cuntu .. e mi ni fricu!

Nuova antologia su temi di impegno civile

Articolo di Giovanni Dino 

 

Proposta di Redazione LaRecherche.it
 
LEGGI

LETTERA DI GIOVANNI DINO

                            11 settembre 2014

il cantastorie Paolo Garofalo compie 100 anni!

Venerdì 27 giugno 2014 ad Allumiere (CV) La poetessa a braccio Agnese Monaldi ha presentato il suo libro "LE MIE RADICI"

VEDI PRESENTAZIONE

 

Da noi conosciuta a Pomonte nel 2008,  sempre in quegli anni la abbiamo intervistata come esempio di figura femminile di poesia estemporanea

per saperne di più

LEGGI INTERVISTA

la pdc n. 6 di luglio 2014.pdf
Documento Adobe Acrobat 2.3 MB

IL CANTO CHE NON MUORE

TRASMESSO IN DIRETTA STREAMING IL 12 GIUGNO 2014

IN COLLABORAZIONE CON LA CASA DEL CANTASTORIE DI PATERNO' (CT)

OSPITI DUE CANTASTORIE D'ECCEZIONE:

MAURO GERACI E FORTUNATO SINDONI.

 

Nella lunga e avvincente intervista i due cantastorie propongono la loro chiave di lettura sulla antica ma quantomai attuale professione. Non la figura romantica e sbiadita del menestrello che canta ballate ormai desuete, ma "artigiani della comunicazione" che selezionano dalla realtà le contraddizioni le elaborano in chiave personalissima e le trasmettono al pubblico in forma musical poetica.

Durante l'intervista potrete ascoltare due loro composizioni. Buon ascolto

LA PIVA DAL CARNER n.5 aprile 2014ccc.pd
Documento Adobe Acrobat 2.1 MB

 

 

"Trallalero" regia Renzo Trotta
prodotto dalla sede Rai Liguria nel 1979 grazie ad Arnaldo Bagnasco

 

Pubblicato in data 09/feb/2014

1979, Genova, Edward Neill, il professore del trallalero, etnomusicologo ci accompagna in un breve viaggio sulla via del trallalero genovese

il ballo votivo delle comunità rom calabresi

Come ogni anno, la presenza delle comunità Rom della Calabria alla festa dei SS. Cosma e Damiano a Riace (RC), si fa sentire con il suono rituale e votivo della tarantella.
Caratterizzano la processione, gli ex-voto portati in processione e i vestiti votivi che richiamano lo stile e i colori di quelli indossati dai santi.

 

Presentazione Cd "Il mondo intero" - Circolo Gianni Bosio e Lega della Cultura di Piadena

20 Febbraio 2014 - Casa della storia e della memoria, Roma

presentazione de "I Paisan" - di Giuseppe Morandi

Documentario audiofonico storico: la spedizione in Lucania di Ernesto de Martino 1952

Documentario audiofonico storico: la spedizione in Lucania di Ernesto de Martino del 1952, con le regitrazioni di musiche tradizionali in Lucania di Diego Carpitella e Ernesto de Martino del 1952. Accompagnate da vecchie fotografie lucane e vecchi filmati storici lucani.

Racconto documentato degli appunti presi in Lucania di Ernesto de Martino e la "spedizione in Lucania" del 1952, in cui si racconta nel dettaglio gli incontri con quella civiltà rurale che oggi è in gran parte scomparsa. La spedizione in Lucania (30 settembre-31 ottobre 1952) è considerata l'atto di nascita dell'etnomusicologia italiana perché per la prima volta si effettuarono registrazioni sul campo secondo criteri organicamente unitari. Realizzate con i mezzi tecnici messi a disposizione dalla RAI, all'interno di un'indagine antropologica condotta da un'équipe formata da Ernesto De Martino, Diego Carpitella, Vittoria de Palma, Franco Pinna e Marcello Venturoli, le rilevazioni sonore interessarono i comuni di Matera, Grottole, Ferrandina, Pisticci, Colobraro, Valsinni, Stigliano, Tricarico, Potenza, Marsico Vetere, Viggiano e Savoia di Lucania. Questa ricerca etnografica in bilico tra canti popolari, magie e canti funebri prendeva spunto dalla rivelazione improvvisa di un mondo contadino arcaico e sconosciuto, un mondo svelato attraverso le pagine di "Cristo si è fermato ad Eboli" (1945) di Carlo Levi. La suggestione di una terra magica e misteriosa, che attraverso i suoi canti deve avere affascinato de Martino e i suoi collaboratori. La conoscenza delle musiche contadine del nostro Paese era ancora molto scarsa. Da almeno un secolo si erano raccolti testi di canti popolari, sulla base di un interesse letterario di matrice romantica, ma degli aspetti musicali, in assenza di registrazioni sonore, assai poco si sapeva. Resosi conto, nelle sue prime esperienze sul campo, di come la musica caratterizzasse significativamente le culture del mondo agro-pastorale, De Martino volle affrontare una spedizione che per la prima volta si faceva carico di documentare sistematicamente, con la registrazione, anche le espressioni musicali delle diverse comunità: da allora, la campagna di rilevazione in Basilicata è considerata come la data di nascita dell'etnomusicologia italiana. Quella memorabile spedizione era anche l'esito di un felicissimo punto di incontro tra ricerca, interessi culturali, compiti istituzionali e impegno politico sociale testimoniato anche dal fatto che fu sostenuta, oltre che dall'allora Centro Studi Nazionale Musica Popolare e dalla RAI, anche da un più articolato fronte che annoverava diverse riviste e associazioni culturali nonché le principali forze politiche e sindacali... Le registrazioni rivelano un mondo musicale di qualità e ricchezza inimmaginabili: straordinarie voci femminili, suonatori di organetto, canti alla zampogna e al cupa cupa, nei più vari repertori, dalle ninne nanne ai lamenti funebri, dai canti di lavoro ai canti di questua, dalle tarantelle ai canti infantili. La musica pervadeva davvero la vita di quei contadini e pastori che manifestavano una sorprendente capacità di gioia, festa, scherzo, ironia, creatività e poesia. Con un denso apparato critico, che per la prima volta affronta in modo approfondito la trascrizione del testo poetico dei canti.

 
Un pensiero al grande Alan Lomax!
...Proprio in questi giorni-dopo 3 anni- ho finito un altra ricerca etnografica, dedicata al grande etnomusicologo americano Alan Lomax, che nel gennaio del 1955, venne a Montemarano per effettuare delle registrazioni audio...in più ho colmato dei vuoti-attraverso l'immagini fotografiche, privi di indicazioni- dando i nomi e cognomi a tutti i protagonisti di quella memorabile ricerca sul campo...e tutto questo grazie ai miei informatori superstiti, che a distanza di circa 50 anni e passa, hanno messo a disposizione la loro memoria orale...così l'Associazione Culturale "Hyrpus Doctus" e il Museo Civico Etnomusicale "Celestino Coscia e Antonio Bocchino", hanno messo un altro tassello importante alla tradizione orale del paese...al momento la ricerca resta (inedita) e va ad arricchire l'archivio bibliografico del museo, dove tutti i visitatori, esperti del settore, studiosi, ricercatori, professori, studenti e semplici curiosi, potranno visionarla insieme alle tante altre che il museo dispone...
Luigi D'Agnese

 

Il documentario di Salvatore Monelli : Ignazio Buttitta e i cantastorie siciliani è un viaggio storico-antropologico nella Sicilia del dopoguerra.
Le poesie rivoluzionarie di Buttitta vennero portate nelle piazze siciliane dai cantastorie promuovendo quel tanto desiderato riscatto popolare di cui la Sicilia aveva ed ha ancora oggi bisogno.
Le rivoluzionarie storie, scomode per i poteri dominanti del tempo (Mafia e Stato), gridavano nelle piazze le ingiustizie sociali a cui i lavoratori dovevano sottostare.
La complementarietà tra chi deteneva i mezzi di produzione(i feudatari terrieri) e il braccio armato dislocato nel territorio (la mafia) è il nodo focale del documentario.
Testimonianze di rilevo sono quelle di Ciccio Busacca (cantastorie) e dello storico Giuseppe Casarrubea le quali si intrecciano nel filone narrativo delle stesse storie scritte da Ignazio Buttitta

 

 

https://www.youtube.com/watch?v=qclezoOpCZ8&feature=youtu.be

 

 

 

Sentite buona gente, i Cantori di Carpino al teatro lirico di milano 1967... per gentile concessione dell'etnomusicoloogo Salvatore Villani

 
la piva dal carner n.4 del 2014.pdf
Documento Adobe Acrobat 2.8 MB