Dedicata a Franco Trincale e alla vita che, dalla metà del Novecento, lo ha visto cantastorie in piazza e voce storica di operai ed emigranti in Sicilia come a Milano, dagli Stati Uniti alla Germania, questa conferenza-recital è un’occasione per tornare a riflettere sui repertori poetico-musicali, sulle forme di spettacolo, sull’impegno politico e civile come sulle prospettive comunicative e conoscitive dei cantastorie italiani. Sollecitato da Mauro Geraci, antropologo culturale che da decenni segue con grande passione le poetiche dei cantasto-rie di cui è anche scrupoloso interprete e continuatore, Trincale ripercorrerà per gli studenti il suo primo apprendistato a contatto coi cantastorie siciliani e, quindi, la sua travagliata esperienza di emigrante a Milano che, progressiva-mente, lo ha visto quale grande protagonista del rinnovamento della canzone narrativa. Rispetto al tradizionale fenomeno dei cantastorie che sarà possibile apprezzare a partire anche dalle testimonianze tratte dalla nota rivista Il Cantastorie – di cui i redattori Tiziana Oppizzi e Claudio Piccoli illustreranno in sintesi la storia col supporto di immagini – ed emergerà la carica innovativa e rivoluzionaria che Trincale ha saputo nel tempo affidare alle sue innumerevoli, graffianti ballate, in un originale dialogo con la canzone politica, con quella leggera e d’autore.

La vocazione pubblica e mediatica di Trincale che elegge la piazza a luogo ideale d’osservazione e di scambio, di partecipazione e di lotta, presenta così storiche analogie con quella giornalistica, anch’essa impegnata con fonti infor-mative, col diritto di privacy e i doveri di cronaca, con la notizia, la narrazione, il commento, con l’inchiesta tesa a creare basi condivise per una pubblica riflessione della e sulla nostra storia. Col supporto di Francesco Pira, sociologo dei processi comunicativi del giornalismo e da anni vicino al mondo dei canta-storie, verrà così approfondito il percorso che dal fatto di cronaca porta alla costruzione di una storia cantata da portare e discutere nel vivo delle piazze. L’esperienza di Trincale servirà alla fine a porre in risalto la multimedialità, la multidisciplinarità, il realismo poetico con cui i cantastorie, in forme tragiche, satiriche o del tutto comiche, tentano ancor oggi di promuovere un approccio disincantato ai drammi di ieri e di oggi. E a dimostrare come non possa che essere la dimensione pubblica della piazza a fare la scuola, che a sua volta diventa la principale fabbrica della storia civile, sarà il recital finale che vedrà il “provocantore” o “folkronista” Franco Trincale confrontarsi con le voci e le chitarre dei più giovani cantastorie Mauro Geraci e Fortunato Sindoni.

 

Redazione Il Cantastorie on line

da dx Pira, Trincale, Geraci, Piccoli


MESSINA 2017 PRIMA PARTE.wmv
Formato Video Windows Media 85.5 MB
MESSINA 2017 SECONDA PARTE.wmv
Formato Video Windows Media 95.7 MB
MESSINA 2017 TERZA PARTE.wmv
Formato Video Windows Media 54.6 MB

TRINCALE 1.wmv
Formato Video Windows Media 66.4 MB
TRINCALE 2.wmv
Formato Video Windows Media 83.4 MB

SINDONI.wmv
Formato Video Windows Media 70.8 MB
GERACI.wmv
Formato Video Windows Media 95.7 MB
GERACI 2.wmv
Formato Video Windows Media 49.9 MB

da sinistra Geraci, Trincale, Sindoni, Pira

Tiziana Oppizzi e Claudio Piccoli redazione de Il Cantastorie on line

Foto di Paolo Zarcone

Foto di Paolo Zarcone