VINCITORI CONCORSO PER CANTASTORIE       "GIOVANNA DAFFINI" 2019

 

 

PREMIO NAZIONALE “RIBALTE DI FANTASIA”

 

2018 - XXXII EDIZIONE

 

 

 

Targhe “Ribalte di Fantasia”

 

 

 

Habanera Teatro-Burattini del Sole (Nuove produzioni teatrali),

 

Elio Elis Ferracini e Maurizio Mantani (Fè-Ma Teatro; nuovi progetti teatrali)

 

Maurizio Gioco e Daniela Marani (Nuovi copioni)

 

Francesco Simoni (Nuovi copioni)

 

Mattia Zecchi (Nuovi copioni)

 

Valerio Sebasthian Saccà (Nuovi copioni)

 

Compagnia Le Calze Braghe (Impegno sociale)

 

Giuseppe Cardascio (La Bottega Teatrale)

 

Margerita Cennamo e Nader Ghazvinizadeh (Burattinificio Mangiafoco; Fiabe e leggende)

 

Ferdinanda Onofrio e Giacomo Onofrio (Sezione Fiabe)

 

Classe 3ª B – Scuola Primaria di Porretta Terme (ins. Nadia Nucci; Progetti scolastici)

 

 

 

 

 

Premi Speciali

 

 

 

Nevio Borghetti (Maestro d’Arte, alla Memoria)

 

Romana e Giuseppe Simoni (Maestri d’Arte, alla Memoria)

 

I Burattini dell’Ocarina Bianca (Teatro dei Burattini & Territorio)

 

Amleto Gardenghi (Il Teatro Amatoriale si fa Scuola)

 

Katia Sassoni (Burattini & Narrativa)

 

Stefano Franzoni (Alla continuità Artistica)

 

Vincenzo Di Maio (Arte Burattinesca & Territorio)

 

Roberta Montanari (Scuola & Mondo dei Burattini)

 

Fondazione Benedetto Ravasio (Omaggio all’Arte fra tradizione e innovazione)

 

 

 

 

 

I premi verranno consegnati al Centro di Documentazione del Mondo Agricolo Ferrarese – MAF, Via Imperiale n. 263, San Bartolomeo in Bosco/Ferrara

 

domenica 12 maggio, dalle ore 16.00, durante una specifica cerimonia

 

 

 

RACCOLTA FONDI per L’A.I.CA. - Lorenzo De Antiquis- storica Associazione Italiana Cantastorie che rischia la chiusura dopo settantadue anni di attività su Facebook alla pagina Lola Dedi per sottoscrivere

 

https://www.facebook.com/donate/445858872831135/1223196021189090/

 


BANDO DEL PREMIO NAZIONALE

 

"RIBALTE DI FANTASIA" 2018

 

 

 

 

 

Il ''MAF - Centro di Documentazione del Mondo Agricolo Ferrarese'' indice il Premio "Ribalte di Fantasia", riservato a copioni inediti del Teatro dei Burattini relativi all’anno 2018.

 

Si tratta della XXXIII edizione dell'iniziativa, istituita nel 1988 dal “Teatro Setaccio Burattini e Marionette” (T.S.B.M.) di Otello Sarzi e dalla rivista “Il Cantastorie”.

 

 

 

“Ribalte di Fantasia” 2018 si articola in tre sezioni:

 

 

 

Teatro tradizionale dei Burattini

 

 

 

Copioni tratti da favole (o ad esse ispirati) o nuove esperienze

 

 che traggano linfa dal Teatro tradizionale

 

 

 

Video, DVD ecc. con esempi di spettacoli del Teatro dei Burattini.

 

 

 

 Saranno presi in considerazione per il Premio 2018 i copioni o i materiali filmici ricevuti alla data del 10 aprile 2019.

 

I materiali pervenuti dopo questa data parteciperanno alla prossima edizione del Premio.

 

 I testi inediti, in tre esemplari,  e i materiali filmici potranno essere inviati alla segreteria organizzativa al seguente indirizzo:

 

 

 

Gian Paolo Borghi

 

Via della Repubblica, 38

 

40050 Argelato (Bologna)

 

 

 

oppure, preferibilmente, all’e-mail:

 

 

 

gp.borghi48@tiscali.it

 

 

 

 I premi saranno ufficialmente consegnati  domenica 12 maggio 2019 nel corso di una cerimonia che si terrà presso il MAF - Centro di Documentazione del Mondo Agricolo Ferrarese di San Bartolomeo in Bosco (Ferrara).

 

Download
SCARICA BANDO IN PDF.
concorso daffini bando 2019.pdf
Documento Adobe Acrobat 335.1 KB

Elezioni “A.I.CA Lorenzo De Antiquis” 2019-2024

 

 

 

Dai voti pervenuti dai soci a tutto il 31 dicembre 2018 risultano eletti:

 

 

 

Dedi De Antiquis, Presidente

 

Gian Paolo Borghi, Vicepresidente (storico dei cantastorie)

 

Lisetta Luchini, Gianni Molinari, Tiziana Oppizzi, Angelamaria Golfarelli, Consiglieri

 

 

 

In virtù delle proprie prerogative, la Presidente nomina inoltre:

 

 

 

Fabrizio Cresti, Segretario e Coordinatore nazionale con delega della Presidente 

 

Giorgio Vezzani (ricerche e sito internet “Quellodelcantastorie”)

 

Wainer Mazza (rapporti tra poeti e cantastorie)

 

Claudio Piccoli (“Il Cantastorie on line”)

 

Francesca Prestia (ambasciatrice A.I.CA. per la Calabria) 

 

01 AGOSTO 2018

 

PER UN INCONVENIENTE TECNICO IL MATERIALE FINORA PUBBLICATO SU QUESTA PAGINA E' STATO PER ERRORE CANCELLATO.

CERCHEREMO DI RIPRISTINARE IL TUTTO SE POSSIBILE E A PUBBLICARE TUTTE LE NUOVE NOTIZIE A PARTIRE DA SETTEMBRE 2018

CI SCUSIAMO PER L'ACCADUTO CON TUTTI I VISITATORI DEL SITO

CONCORSO DI POESIA
"Poesia, Amore e Diritti Sociali"

Il circolo agorà di Pisa, l’Istituto Ernesto De Martino di Sesto
Fiorentino, la Biblioteca Andrea Fisoni di Pisa, l’Archivio Nazionale
della Poesia Inedita, istituiscono un concorso di Poesia a tema
“Poesia, Amore e Diritti Sociali”.

Viviamo in una società dove i linguaggi sono sempre più distorti e
piegati alle logiche di mercato. Tutto si compra e si vende, merci
esseri umani e sentimenti.

Niente rimane nella coscienza individuale se non un senso di vuoto e
insicurezza, che lambisce fasce di popolazione sempre più ampie, in
società una volta definite “opulente” per nascondere una miseria
economica ed umana mai venute meno.

Oggi quella narrazione è saltata. I margini per la redistribuzione
della ricchezza si sono ridotti al nulla. Vincono meccanismi infernali
di un’economia che non guarda agli esseri umani ma solo al profitto.
La rapina e la guerra sono tornate a governare il mondo, devastando
interi continenti, popoli e civiltà, che fuggono come una marea umana
verso lidi dove li aspetta altra sofferenza, quando non la morte nei
deserti dei loro lunghi esodi,  in mare o nei lager disseminati lungo
territori devastati dai bombardamenti.

Umanità dolente, che soffre nelle terre “promesse” e fugge da
quelle distrutte, che quando si incontra non si riconosce come parte di
un tutto, divisa com’è da un odio instillato nel tempo, da chi sa
usare il “dividi et impera” per tentare di rendere eterno il proprio
dominio.

La risposta alla barbarie dell’oggi, che ottenebra i cuori e le menti
dei più, sta nel riconoscersi per quello che si è, indipendente dalla
propria provenienza o dal colore della pelle. Occorre riscoprire la
comune condizione di sfruttati, che rende uguali gli essere umani di
ogni latitudine e continente, filo rosso che rende concreto l’amore
per il prossimo e la lotta comune per diritti uguali per tutti.

Amore e diritti sociali! Un sogno? Si! Perché nonostante il cupo
spirito del tempo nel quale ci tocca vivere rimaniamo inguaribili
sognatori, alla maniera di Pisariev, letterato russo che dalle carceri
zariste mandò un messaggio al mondo, scrivendo “…Il mio sogno può
precorrere il corso naturale degli avvenimenti….Se l’uomo fosse
completamente sprovvisto della facoltà di sognare in tal maniera, se
non sapesse ogni tanto andare oltre il presente e contemplare con
l’immaginazione il quadro compiuto dell’opera che è abbozzata dalle
sue mani, quale impulso, mi domando, l’indurrebbe a cominciare e a
condurre a termine grandi e faticosi lavori nell’arte, nella scienza e
nella vita pratica?... Il contrasto tra il sogno e la realtà non è
affatto dannoso se chi sogna crede sul serio al suo sogno, se osserva
attentamente la realtà, se confronta le sue osservazioni con le sue
fantasticherie, se, in una parola, lavora coscienziosamente per attuare
il suo sogno. Quando vi è un contatto tra il sogno e la vita, tutto va
per il meglio”.

È possibile esprimere questi sentimenti in poesia, quando il linguaggio
della politica non arriva più se non attraverso messaggi di odio, paura
e divisione?

Questa è la sfida che lanciamo a chi crede, come noi, che questo
potente strumento di comunicazione abbia ancora qualcosa da dire ad
ognuno di noi e al mondo.

Giuria: Emilio Sidoti (poeta e scrittore, ricercatore, educatore), Vito
Taverna (poeta e pubblicista, fondatore dell'Archivio della Poesia
inedita: "Poesie nel cassetto"), Alessandro Scarpellini (poeta,
educatore, narratore), Stefano Arrighetti (presidente dell’Istituto
Ernesto De Martino), Maria Pia De Salvo (Biblioteca Andrea Fisoni).

REGOLAMENTO CONCORSO DI POESIA: “POESIA, AMORE E DIRITTI SOCIALI”

ART. 1 - PROMOTORI – Il circolo agorà di Pisa, l’Istituto Ernesto
De Martino di Sesto Fiorentino, la Biblioteca Andrea Fisoni di Pisa,
l’Archivio Nazionale della Poesia Inedita, istituiscono un concorso di
Poesia a tema “Poesia, Amore e Diritti Sociali”.

ART. 2 - PARTECIPANTI – Il concorso è aperto a tutti i soggetti che
abbiano compiuto i 18 anni d’età

ART. 3 - QUOTA D’ISCRIZIONE – Per partecipare al concorso occorre
versare una quota di 10 euro presso la segreteria del circolo agorà,
Via Bovio 48 Pisa, in orari di ufficio (dal lunedì al venerdì 9 –
12.30 / 16 – 19).

ART. 4 - ELABORATI –  I partecipanti potranno presentare un solo
elaborato di loro produzione, scritto in lingua italiana e rigorosamente
inedito. La lunghezza dei testi non dovrà superare i 35 versi, scritti
con carattere Times New Roman corpo 12.

ART. 5 - MODALITÀ DI PARTECIPAZIONE – Il testo dovrà essere prodotto
su supporto cartaceo (5 copie) e su supporto elettronico (CD). Il testo
su carta e su supporto elettronico (CD) dovranno essere identici. Il
testo non dovrà in alcun punto recare indicazione del nome
dell’autore o altro riferimento che consenta il riconoscimento di
quest’ultimo, pena l’esclusione del racconto dal concorso. Il nome
dell’autore con i relativi dati personali dovrà essere indicato a
parte sul modulo di partecipazione, che sarà possibile trovare sul sito
del circolo agorà, e dovrà essere inserito in busta chiusa. Il testo
su carta, il supporto elettronico (CD) e la busta chiusa contenente i
dati dovranno essere inseriti a loro volta in una busta che sarà
sigillata e recherà soltanto la scritta: “CONCORSO POESIA AMORE E
DIRITTI SOCIALI ” I testi non saranno restituiti.

ART. 6 - SCADENZA – La busta dovrà essere consegnata o spedita (farà
fede il timbro postale) presso LA SEGRETERIA DEL CIRCOLO AGORÀ, VIA
BOVIO 50 PISA ENTRO E NON OLTRE LE ORE 19 DEL GIORNO 31/12/2018.

I testi pervenuti successivamente non verranno presi in considerazione.

ART. 7 - VALUTAZIONE – Tutti i lavori saranno sottoposti al giudizio
della giuria nominata dai promotori del concorso: Emilio Sidoti (poeta e
scrittore, ricercatore, educatore), Vito Taverna (poeta e pubblicista,
fondatore dell'Archivio della Poesia inedita: "Poesie nel cassetto"),
Alessandro Scarpellini (poeta, educatore, narratore), Stefano Arrighetti
(presidente dell’Istituto Ernesto De Martino), Maria Pia De Salvo
(Biblioteca Andrea Fisoni). La giuria determinerà una classifica
basandosi sulla pertinenza delle opere con il titolo e l’abstract del
concorso stesso, pubblicizzato sul sito e sulle pagine fb del circolo
agorà, sulla propria sensibilità artistica ed umana, in considerazione
della qualità dello scritto, dei valori dei contenuti, della forma
espositiva e delle emozioni suscitate. Il giudizio della giuria sarà
inappellabile ed insindacabile. I vincitori saranno informati secondo le
modalità indicate da ciascun partecipante nel modulo di partecipazione.

ART. 8 - PREMIAZIONE - La proclamazione del vincitore e la consegna del
premio avrà luogo presso il circolo agorà, in Via Bovio 50 Pisa
attraverso uno specifico evento pubblicizzato successivamente.

ART. 9 – PREMI - _1° classificato:_ euro 350_ -_ _2° classificato:
euro _200,00 buono acquisto libri- _3° classificato:_ _euro 100,00
_buono acquisto libri_._ I premi saranno ritirati personalmente dai
vincitori nella serata di proclamazione, o, in caso di forzato
impedimento, da comunicare e giustificare preventivamente alla
segreteria organizzativa, da persona da loro designata.

ART. 10 – DIRITTI D’AUTORE – Gli autori, per il fatto stesso di
partecipare al concorso, cedono il diritto di pubblicazione al promotore
del concorso senza aver nulla a pretendere come diritto d’autore. I
diritti rimangono comunque di proprietà dei singoli autori.

ART. 11  – STAMPA POESIE – i promotori del concorso si avvarranno di
una tipografia per stampare le poesie premiate e tutte le poesie che la
Giuria riterrà valide, in base alle norme contenute nell’Art. 5 di
inappellabilità ed insindacabilità.

ART. 12 – PUBBLICITÀ – Il concorso e il suo esito saranno
opportunamente pubblicizzati attraverso la stampa ed altri media.

ART. 13 – ALTRE NORME – La partecipazione al concorso implica
l’accettazione integrale del presente regolamento, senza alcuna
condizione o riserva. La mancanza di una sola delle condizioni che
regolano la validità dell’iscrizione determina l’automatica
esclusione dal concorso letterario.

Per informazioni rivolgersi a: circolo agorà tel. 050/ 500442 -
agorapi@officinaweb.it   cell 3384014989

Modulo di partecipazione al Concorso di Poesia
“Poesia, Amore e Diritti Sociali”

INDETTO DAL CIRCOLO AGORÀ DI PISA, L’ISTITUTO ERNESTO DE MARTINO DI
SESTO FIORENTINO, LA BIBLIOTECA ANDREA FISONI DI PISA, L’ARCHIVIO
NAZIONALE DELLA POESIA INEDITA

(DA COMPILARE IN OGNI SUA PARTE, PENA L’AUTOMATICA ESCLUSIONE DAL
CONCORSO)

Io sottoscritto/a:

Nome:...................................................................................................................

Cognome:..............................................................................................................

Nato il:...................................
a:..........................................................................

Residente a :
via....................................................................................................

Comune:...................................................................................................................

Provincia:........................................................................
CAP:.................................

Telefono fisso:..............................................
Cellulare:..............................................

E-mail:..................................................................................................................

In caso di vincita contattatemi a mezzo          e-mail
telefono

Partecipo al concorso con
l’opera...............................................................................

- Dichiaro che l'opera presentata è frutto del mio ingegno, non è
stata premiata in altri concorsi e non è stata pubblicata.

- Dichiaro di accettare integralmente tutte le norme e le disposizioni
contenute nel regolamento del concorso, di cui ho preso visione, senza
alcuna condizione o riserva.

- Acconsento all’uso gratuito dell’opera ai fini di pubblicazioni
curate dal Circolo agorà, senza nulla a pretendere a titolo di diritto
d'autore pur rimanendo il proprietario dell'opera.

- Autorizzo al trattamento dei miei dati personali ai fini
istituzionali, ai sensi della legge di cui sotto

- Verso 10 euro come quota di iscrizione al concorso

………………………………………………………………………………………………………………

Firma chiaramente leggibile

Autorizzo il trattamento dei miei dati personali ai sensi del Dlgs
196/2003 e art. 13 GDPR 679/2016

………………………………………………………………………………………………………………

Firma chiaramente leggibile

 

Al via il concorso

 

“Adotta un canto, scopri una tradizione”
per le scuole e le associazioni culturali
di Abruzzo, Basilicata, Campania, Lazio, 
Molise, Puglia ed Umbria

 

Al via il concorso “Adotta un canto, scopri una tradizione”, configurato come un viaggio nel cuore delle tradizioni musicali al fine di evidenziare l’importanza di uno straordinario patrimonio culturale.

 

Con un focus di approfondimento sull’Italia centrale, alla quale si riferiscono i volumi con cd dati in adozione gratuita, il concorso si rivolge a scuole e a associazioni culturali di 7 regioni (Abruzzo, Basilicata, Campania, Lazio, Molise, Puglia ed Umbria) alle quali sarà inviato un numero di copie del volume prescelto pari al numero di studenti o persone coinvolte, chiamate a realizzare una recensione individuale o collettiva che può essere uno scritto (max due cartelle), un’elaborazione multimediale o anche una riproposta musicale dei repertori indagati. Gli elaborati dovranno essere inviati entro il 26 febbraio 2019 all’associazione culturale Altrosud. Ai tre elaborati più significativi sarà assegnato un premio di 1000, 500 e 250 euro. Guidati da un tutor, interno all’istituto o all’associazione culturale, gli studenti potranno così misurarsi, nella lettura e nell’ascolto, con una ricchezza culturale stratificata negli anni attraverso pubblicazioni di rilevante interesse storico e culturale.

 

I canti e suoni proposti sono dotati di una loro peculiare identità, irriducibile ad altre espressioni musicali, e sono strettamente legati alla storia delle comunità di riferimento al punto da costituire un veicolo privilegiato per un recupero consapevole della propria identità culturale. In questa direzione l’adozione di un canto –vale a dire l’acquisita familiarità con un determinato repertorio o strumento musicale- può condurre davvero alla scoperta di un’intera tradizione, oltre che attivare salutari processi di salvaguardia e promozione in un’ottica di biodiversità culturale.

 

Promosso dall’associazione culturale Altrosud d’intesa con la Direzione Generale per lo spettacolo del MiBACT e in collaborazione con il Circolo Gianni Bosio e Squilibri editore, il concorso è incentrato sull’enorme patrimonio documentario raccolto nella “Rete degli Archivi Sonori” che costituisce la più ampia raccolta di materiali sonori, audiovisivi e fotografici sulle musiche di tradizione orale, dalle prime rilevazioni degli anni Cinquanta fino ai nostri giorni.

 


Per info e iscrizioni 
 
www.archiviosonoro.orgaltrosud@altrosud.it

 

 

 

I libri in adozione gratuita

 

ABRUZZO

 

·         Domenico Di Virgilio, a cura di, Musiche tradizionali in Abruzzo. Le registrazioni di Diego Carpitella (1970), con CD

 

LAZIO 

 

·         Ettore De Carolis, Le voci dell’Anio. Musiche tradizionali della Valle dell’Aniene, con 2 CD

 

·         Serena Facci, Giuseppina Colicci, Rosa di Maggio. Le registrazioni di Luigi Colacicchi e Giorgio Nataletti (1949-50), con 2 CD

 

·         Alessandro Portelli, Mira la rondondella. Musica, storia e storie dai Castelli Romani, con 2 CD

 

MOLISE

 

·         Maurizio Agamennone, Vincenzo Lombardi, Musiche tradizionali del Molise. Le registrazioni di Diego Carpitella e Alberto Mario Cirese (1954), con CD

 

·         Vincenzo Lombardi, In re viva voce. Strategie e processi di valorizzazione delle tradizioni musicali, con gli spartiti di 19 composizioni per coro

 

UMBRIA

 

·         Valentino Paparelli, L’Umbria cantata. Musica e rito in una cultura popolare, con 4 CD

 

·         Piero Arcangeli, Valentino Paparelli, Musiche tradizionali dell’Umbria. Le registrazioni di Diego Carpitella e Tullio Seppilli (1956), con 2 CD

 

·         Valentino Paparelli, Alessandro Portelli, La Valnerina ternana. Un’esperienza di ricerca e intervento, con 2 CD